Dal 2006 Silvia Zanchi e Claudio Canevari si dedicano allo studio della Gommalacca.
Il loro lavoro è sfociato nella pubblicazione di tre quaderni, I quaderni dell’ Iror al titolo GOMMALACCA, editi dalla LF Edizioni di Modena.
La gommalacca è un materiale noto all’occidente da migliaia di anni per i motivi più disparati; nonostante ciò è impiegata per la preparazione di vernici da un tempo relativamente breve: la prima vernice a gommalacca nota in Europa è quella del padre Eustache Jamart, rivelata al mondo da Kircher nel 1667.
Da quella casuale citazione il suo uso ha conosciuto uno sviluppo esplosivo, e tuttora, nonostante la chimica moderna abbia sviluppato polimeri di sintesi di indubbia qualità e versatilità, la lucidatura a tampone viene largamente utilizzata come tecnica di finitura per oggetti lignei di pregio ed è una delle principali tecniche di verniciatura utilizzate in alcuni settori della liuteria; in questo campo è tuttora utilizzata come componente di numerose vernici poliresinose a solvente alcoolico.
I quaderni pubblicati da Silvia Zanchi e Claudio Canevari trattano vari aspetti della gommalacca: dalla storia del suo utilizzo, alla sua produzione e raffinazione, alla chimica, alle tecniche di verniciatura.

GOMMALACCA – I quaderni dell’IROR

Parte prima: Aspetti storici: la diffusione della gommalacca in Occidente; Gli insetti, gli alberi ospiti e la produzione


                                                               

Parte seconda: Chimica della gommalacca; La lavorazione e la commercializzazione: metodi e trattamenti tradizionali e moderni


                                                               

Parte terza: La gommalacca nei ricettari e nei manuali dal XIV al XIX secolo; La lucidatura a gommalacca a tampone


                                                               


Per informazioni e acquisto:


- Silvia Zanchi
info@silviazanchi.it
+39 328 5484304


- Claudio Canevari
canevari@iror.it
+39 333 5654751


Ilportale della chitarra classica “Chitarra e dintorni” ha pubblicato due articoli di una serie di tre elaborati in collaborazione con Claudio Canevari “Gommalacca e strumenti musicali” e “Lucidatura a gommalacca a tampone”.